Archive for the 'comunicazione politica' Category

Obama: un nobel per la comunicazione della pace

obama, hope

Il Nobel per la pace assegnato al Presidente degli Stati Uniti d’America Obama fara’ sicuramente discutere: a qualcuno vengono dei dubbi, qualcuno non ha gradito, anche lui ne e’ rimasto sorpreso.

Quello che e’ indubbio e’ che questo premio Nobel per la pace e’ un Nobel assegnato alla comunicazione e piu’ in particolare alla comunicazione della pace. Obama, come comunicatore politico, e’ riuscito a costruire fiducia e speranza, insomma ha realizzato un discorso intorno alla pace. E’ questo, per ora, il suo piu’ grande merito.

Si pensa, anche giustamente, che un Nobel debba essere conferito a illustri personalita’ che si sono distinte per quello che hanno fatto piuttosto che per quello che hanno comunicato.

Ma la comunicazione, in politica come nelle altre sfere della vita umana, e’ azione.

Obama e’ riuscito sicuramente ad agire nell’immaginario di milioni di americani e non. E questo e’ sicuramente un fatto. Certamente Obama non e’ il primo politico nella storia ad essere riuscito a costruire un discorso di fiducia e di speranza intorno alla pace, ma in questi tempi e’ sicuramente il piu’ bravo.

Sara’ il Presidente americano in grado di affiancare alla comunicazione anche tutto quello che rimane da fare per costruire concretamente la pace?

Luca Taddei

Annunci

Obama e l’iPhone, ovvero il mondo alla rovescia della comunicazione

from-boingboingnet

Tra i protagonisti dei nostri giorni ci sono sicuramente, in politica, il Presidente U.S.A. Barack Obama e, nel mondo della tecnologia e del commercio, l’iPhone di Apple. Sono entrambi dei brand molto attrattivi.

Ma cosa c’entrano l’uno con l’altro? In molti risponderebbero “niente”, ma qualcuno, la società telefonica giapponese Softbank, ha pensato che l’uno, Obama, potesse diventare un ottimo strumento per la promozione dell’altro, l’iPhone ( come vedete nella foto ripresa dal post di boingboing). Dell’episodio ne ha parlato anche Brand Republic.

Ormai da qualche anno non si fa altro che parlare dell’influenza del marketing, nato in contesto aziendale, sulla comunicazione politica. Ecco, in questo particolare caso che proviene dalla terra dei Samurai, è avvenuto un rovesciamento del normale corso delle cose comunicative: il mondo della comunicazione politica è riuscito a influenzare il mondo del marketing tradizionale.

Un personaggio politico, la sua immagine, il suo brand nato e costruito nell’agone politico, viene riutilizzato per vendere un prodotto, l’iPhone. E ovviamente, trattandosi di Obama, il payoff non poteva essere che “Yes we kau”, ovvero “sì possiamo comprarlo” ( “Kau” un giapponese significa “comprare”).

Insomma, a volte, un riuscitissimo brand politico, come quello di Obama, è potenzialmente in grado di ottenere risultati anche nel mondo del marketing tradizionale? Sembra essere questa la sfida portata avanti da questa pubblicità giapponese.Voi che ne pensate?Funzionerà?

Luca Taddei

il brand Gelmini sbarca su Youtube

gelmini_ok

“Scrivere un messaggio su Internet é come farsi un tatuaggio, solo un tatuaggio é più facile da cancellare.” (Anonimo)

Ha una storia, una fisicità, una dialettica, un bagaglio di idee che nel bene o nel male intriga, divide, non lascia indifferenti.

Il suo personaggio sta al mondo della politica come Nestlè, McDonald’s o Coca Cola stanno al mondo del consumo: sono brand che conquistano l’ immaginario, di cui si straparla, capaci di creare veri e propri schieramenti. E di scatenare passionali istinti.

Vedremo quanto dura.

Di chi parlo é presto detto.

E’ Mariastella Gelmini – Ministro dell’ Istruzione, dell’ Università e della Ricerca – che incurante dello strascico polemico che rilascia qualsiasi suo intervento e qualsiasi sua apparizione, proprio nel momento in cui di lei e della sua riforma iniziava a indebolirsi l’ eco, si riappropria dell’ attenzione pubblica aprendo un suo canale Youtube.

L’ obiettivo del nuovo canale é quello di confrontarsi con i giovani nello spazio che i giovani preferiscono, ovvero il web, a proposito di scuola e università. Accogliendo idee, proposte, critiche. Il tutto perchè “dobbiamo avere il coraggio di cambiare e lo dobbiamo fare insieme.”

L’ intento é lodevole, intrigante come é sempre intrigante l’ incontro tra politica e web.

Vediamo cosa ne verrà fuori.

Intanto, com’ era ampiamente prevedibile, fioccano le critiche. Nel senso che nei suoi primi giorni di vita il canale sembra più che altro un “contenitore” adibito a raccogliere le polemiche e gli sfoghi versus Gelmini.

Voi che ne pensate?

SimoDG

…assvertising per Obama e McCain!

“Chi smette di fare pubblicità per risparmiare i soldi é come se fermasse l’ orologio per risparmiare il tempo.” (Henry Ford)

Obama e McCain: é pressochè ufficiale, saranno loro a contendersi la la prossima presidenza degli Stati Uniti. E la campagna elettorale proseguirà imperterrita per tutta l’ Estate, con un inatteso complice.

Sulle assolate spiagge americane sono infatti comparsi da qualche settimana dei bikini in cui le fan di Obama, Clinton (oramai fuori gioco) e McCain pubblicizzano i propri politici di riferimento.

Si chiama assvertising e non é una novità: l’idea di usare il fondoschiena per far pubblicità é stata sperimentata per la prima volta nel 2005 dall’ agenzia americana NigtAgency, con un buonissimo successo. Come spiega difatti lo slogan dell’agenzia che l’ha ideata «Se vuoi essere visto, vai dove le persone stanno già guardando»!

L’ iniziativa é stata ripresa dal sito politikini.com, che ha lanciato la linea di bikini interamente dedicata alla campagna presidenziale. E la questione sembra anche seria, proficua per la stessa democrazia americana! La stilista che ha ideato la linea, Serrell Watts, ritiene che questo tipo di comunicazione, non convenzionale e non politichese, può attirare l’attenzione dei più giovani e incrementare notevolmente il numero dei ragazzi che vanno alle urne: «Vi è un dato di fatto. Vi sono più di 42 milioni di elettori tra i 18 e i 30 anni e sono costantemente alla ricerca di modi nuovi e alla moda per comunicare i loro punti di vista».

«Le persone vogliono mostrare le loro preferenze», dichiara ancora la stilista. «Purtroppo la merce oggi sul mercato offre alla maggior parte dei giovani prodotti considerati poco alla moda. Io invece presento qualcosa che è allo stesso tempo attraente e seducente. Per questo ho inventato i costumi Obama-kini, Clinton-kini e McCain-kini».

Beh, acchiappa-giovani o meno, credo che un colpo di … non possa che giovare ad entrambi i candidati!

Voi che dite?

SimoDG

La comunicazione del Partito Democratico

manifesto-del-pd.jpg

“Si può fare.” ( slogan della campagna elettorale del PD )

Continuiamo la nostra analisi della comunicazione politica in questa campagna elettorale 2008. Dopo esserci occupati della comunicazione del PDL, ci occupiamo di quella del Partito Democratico.

simbolo e slogan:

Il simbolo del PD fa riferimento al tricolore italiano. E già questa è una novità rispetto alla propria comunicazione del passato, ma non è certo una grossa novità nel panorama della comunicazione politica italiana. Per legarsi al proprio recente passato, il PD nel proprio simbolo presenta il ramoscello d’ulivo che già rappresentava L’Ulivo. Dell’Ulivo rimane anche il colore verde. La novità, per il centrosinistra ma non per la comunicazione politica italiana, è anche l’introduzione della scritta “Veltroni Presidente” in stile americano. Così come lo slogan “Si può fare.” che ricalca quello di Obama “Yes, we can”.
Per quanto riguarda il logo del PD vi rimando anche a un mio post di qualche tempo fa.

manifesto:

i manifesti del PD sono numerosi, li potete trovare tutti qui. Una costante è il volto sorridente di Walter Veltroni. Anche qui è presente l’indirizzo del sito web del partito www.partitodemocratico.it

comunicazione web:

il sito web del PD è molto composito e al suo interno si possono trovare tutte le informazioni che si cercano sul PD, a partire dal programma, la carta dei valori, l’agenda, le liste per la camera ed il senato. La comunicazione web del PD, dal punto di vista informativo, è chiara e ben fatta.

Dal punto di vista della partecipazione, un’ ottima iniziativa è sicuramente quella del social network del PD, poi c’è il Twitter del PD e naturalmente il canale YouTube del PD ( naturalmente il canale YouTube del PDL non manca, confrontateli! ). Un aspetto molto interessante è rappresentato dalla possibilità di raccogliere fondi in questa sezione o acquistando i gadget o tanto meglio i km del giro dell’Italia nuova. attraverso il web. Infine, la sezione materiali di comunicazione è ampia e ben costruita.

considerazioni finali:

E’ innegabile che la comunicazione del Partito Democratico è completamente diversa rispetto a quella precedente dell’Ulivo, dei DS e della Margherita. Sicuramente c’è stato un grande miglioramento, sembra che finalmente il primo partito dell’area di centrosinistra si dimostri consapevole della comunicazione politica e la costruisca in maniera efficace. Il Partito Democratico approda alla comunicazione che era stata introdotta da Forza Italia, ma dobbiamo ammettere che, se nei manifesti, nei gadgets, negli spot tutto sommato non ci sono grosse innovazioni, nel web il PD si dimostra più ricco nei contenuti e nelle iniziative del centrodestra.

Luca Taddei.

la comunicazione del Popolo della Libertà

rialzati-italia.jpg

“Rialzati, Italia!” ( slogan della campagna elettorale del PDL )

Iniziamo la nostra serie di analisi sulla comunicazione politica dei soggetti politici che si presentano alle elezioni politiche 2008. Ed iniziamo dal Popolo della Libertà.

simbolo e slogan:

il simbolo ricorda quello della Casa delle Libertà.Elementi costitutivi sono il riferimento al tricolore italiano e lo sfondo azzurro che richiama il colore rappresentativo di Forza Italia. Lo slogan Rialzati, Italia!ricorda molto da vicino il nome del partito più rappresentativo che è confluito in questa alleanza elettorale, per l’appunto “Forza Italia“.

manifesto:

che dire del manifesto? L’aspetto che colpisce di più è forse l’assenza del volto del leader Silvio Berlusconi. E’ presente l’indirizzo del sito votaberlusconi.

comunicazione web:

il sito votaberlusconi non è altro che il sito di Forza Italia, modificato per l’occasione elettorale. Sulla destra dell’homepage è possibile partecipare via web alla campagna elettorale del PdL: anche se il massimo sembra poter inserire un banner sul proprio blog! Più interessante è la funzione di aggregatore di post da blog in giro su internet visibile in basso a destra dell’homepage. L’aspetto più partecipativo sembra però la possibilità si scegliere le priorità del programma. Dobbiamo sottolineare una pecca: esiste anche il sito del Popolo della Libertà con scarse possibilità di partecipazione da parte dei navigatori di Internet. Il problema è che quest’ultimo sito è il primo nel pagerank di Google se si cerca “Popolo della Libertà”.

considerazioni finali:

La comunicazione del PdL è una comunicazione classica, che si ripete rispetto alle precedenti esperienze della CdL. Il merito più grande di Forza Italia, per quanto riguarda la comunicazione politica, è quello di aver introdotto in Italia a partire dal 1994 uno stile diverso di comunicazione, di sicuro riferimento americano. Ma negli USA rispetto a quel modello si sono fatti molti passi in avanti e la comunicazione del PdL sembra non averli seguiti, specialmente per quanto riguarda la comunicazione web. E’ vero, si può partecipare scegliendo le priorità del programma, ma questa idea ricorda più i reality show televisivi che la comunicazione politica. 

E voi che ne pensate? Siete d’accordo?

Luca Taddei.

la comunicazione politica nelle elezioni 2008

logo-pdl-berlusconi.jpglogopd.jpg

unione-di-centro.jpg lasinistralarcobaleno.jpg

italia-dei-valori.jpg partito-socialista.jpg

” La più grande virtù politica è non perdere il senso dell’insieme.” ( Emmanuel Mounier )

Nelle campagne elettorali i partiti comunicano in vari modi. La forma più tradizionale di comunicazione politica è rappresentata dai manifesti elettorali, mentre quella più nuova è rappresentata dalla comunicazione politica attraverso il web.

Su ilcomunicatore daremo, nel corso di questo mese, alcuni spunti di analisi sulla comunicazione politica di tutti i partecipanti significativi ( il criterio principale sarà quello della rilevanza politica e della significatività comunicativa) a queste elezioni 2008, in maniera il più possibile imparziale e corretta.

Ci concentreremo sull’analisi dei simboli e manifesti elettorali e sulla comunicazione politica su web: la prima analisi è interessante per cogliere l’evoluzione della forma classica di comunicazione politica, la seconda per cercare di capire se qualcosa, sulla scia dei cambiamenti avvenuti negli U.S.A, è cambiato anche in Italia relativamente al peso da attribuire al web nella realizzazione delle campagne elettorali.

Lo sviluppo della comunicazione politica su web potrebbe portare con sè molte questioni cruciali( già accennate in un mio articolo su GiornaleWEB ) : il web potrebbe essere alternativo o complementare alla TV nella gestione della comunicazione in una campagna elettorale? Attraverso la raccolta dei fondi via internet si può pensare di portare i partiti a pesare meno sui finanziamenti pubblici ? La comunicazione politica su web potrebbe realizzare l’affermazione di protagonisti nuovi e giovani esterni al gioco politico parlamentare? E che dire della comunicazione online per gestire l’organizzazione della campagna sul territorio? Negli Stati Uniti a questo ultimo aspetto un certo Obama, per esempio, ci ha pensato!

Questo post si chiude con queste domande e con i link ai soggetti politici protagonisti delle elezioni politiche 2008:

Il Popolo della Libertà

Partito Democratico

Unione di Centro

La Sinistra l’Arcobaleno

Lega Nord 

Italia dei Valori

Partito Socialista

La Destra

Dateci un’occhiata.

Luca Taddei.


ilcomunicatore

PENSARE COMUNICAZIONE PER FARE COMUNICAZIONE

luca.taddei@gmail.com

ilcomunicatore è il blog di riflessione, discussione, condivisione sul mondo del marketing & comunicazione

Contatori

This blog is listed

BlogItalia.it - La directory italiana dei blog Career & Job Blogs -  Blog Catalog Blog Directory blog search directory Blog-Show la vetrina italiana dei blog! MigliorBlog.it
Add to Technorati Favorites

Creative Commons

Creative Commons License
Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: