Archive for the 'branding' Category

UserFarm, quando il crowdsourcing finisce in tv!

UserFarm è una piattaforma di Content Crowdsourcing nata in casa di TheBlogTv ed è presente oggi in Italia, Francia e Spagna.

Che cosa fa? In poche parole consente ai brand, alle agenzie, agli editori e alle istituzioni di ingaggiare più di 25.000 videomaker, creativi, grafici professionisti e non per la realizzazione di spot e contenuti multimediali originali.

Il tutto è quindi user generated.

La novità? L’azienda Bonaventura Maschio per le sue Prime Uve ha deciso di portare dal web, il luogo naturale del crowdsourcing, alla tv uno spot realizzato proprio in crowdsourcing da UserFarm.

Lo spot vincitore (presentato anche qui su ilcomunicatore), su 159 caricati sulla piattaforma di crowdsourcing audiovisivo UserFarm, è stato quello del Team Zunamy, nato dall’idea creativa di Ciro De Caro e Rossella D’Andrea.

Per la diffusione web invece è stato selezionato il video ironico e leggero “Estasi Sensoriale” di condor10, visibile sul canale YouTube BonaventuraMaschio.

Questo passaggio dal web alla tv di un prodotto di crowdsourcing è sicuramente il segno di una straordinaria opportunità di fare una comunicazione più creativa e più partecipativa che partendo dal web può passare agli altri spazi più classici e tradizionali della pubblicità.

E il vantaggio è sia per le imprese che per i nuovi talenti.

Che ne pensate?

Luca Taddei

Ferrari World, l’Italia conquista Abu Dhabi!

In questi giorni è stato presentato il Ferrari World, una vera e propria Disneyland dell’automobile italiana più famosa e simbolo del successo tecnologico italiano nel mondo.

Il progetto è sicuramente grandioso. Vediamo se grandioso sarà anche il successo in termini di ritorno economico per la Casa di Maranello e, in questo caso, turistico per gli Emirati Arabi Uniti.

Qualcuno ha storto il naso dal momento che un progetto del genere potrebbe essere stato realizzato in Italia, a Roma o a Maranello invece che ad Abu Dhabi.

Trovo che il progetto sia ben pensato e fortifichi ancora di più il brand Ferrari e, di conseguenza, anche il brand Italia nel mondo.

Il parco, è vero, non è in Italia, ma il ritorno d’immagine ed economico per l’Italia, soprattutto come brand, non dovrebbe mancare.

Che ne pensate? Guardate anche il sito ufficiale.

Luca Taddei

Almo Nature cambia look con Oliviero Toscani

Almo Nature, un’impresa italiana che produce alimenti per cani e gatti e che negli anni si è affermata in Italia e all’estero, ha scelto Oliviero Toscani e La Sterpaia per la sua nuova campagna di comunicazione integrata.

La scelta è forte, come si può vedere dall’immagine che qui presentiamo, sia per l’estro di Oliviero Toscani sia per la notevole attenzione che viene attribuita da Almo Nature alla comunicazione web e digitale, con il restyling del sito ma non solo: la presenza sui social network a partire da Facebook e la possibilità di trovare Almo Nature su iPad.

La forza del brand Almo Nature è sicuramente concentrata sull’aver introdotto per prima nel mondo l’alimento naturale per cani e gatti e dal cercare di vedere il mondo dal loro punto di vista. In questi anni infatti il brand ha sviluppato anche una serie di campagne di marketing solidale per gli animali meno fortunati.

Nel presentare questo progetto Oliviero Toscani ha dichiarato: “Gli animali sono molto più pazienti con noi di quanto noi siamo con loro e, se vedessimo il mondo con i loro occhi, forse vedremmo un mondo migliore. Creando un immagine per questo nuovo progetto ho cercato soprattutto di pensare agli animali e alla filosofia di Almo Nature che cerca di essere come i cani e i gatti che nutre.”

Vedere il mondo dal punto di vista degli animali, una comunicazione dal forte impatto visivo, la centralità del web è la ricetta di Almo Nature per la sua comunicazione.

Che ne pensate?

Luca Taddei

Nike pensa anche agli altri telefonini! Non c’è solo iPhone!

In questo periodo non si fa altro che parlare di applicazioni per l’iPhone.  Ne abbiamo parlato di recente anche su questo blog.

Ecco che Nike ha deciso di ricordarsi anche dell’esistenza degli altri telefonini  e ha sviluppato, grazie a Dlite, Nike Mobile.

Questa applicazione è compatibile con più di 180 telefoni e permette di avere tutto il mondo Nike Football su un semplice Nokia  e Samsung.

Insomma, non solo iPhone! Infatti, non solo perchè il brand Nike è ben presente con una buona varietà di applicazioni su App Store.

E’ una buona scelta non aver dimenticato le tante persone che ancora non sono entrate nell’universo di iPhone o che preferiscono altri cellulari, magari i modelli meno innovativi e più classici. Fra questi ci saranno di sicuro molti affezionati del mondo Nike e Nike ha pensato bene di non deluderli.

Luca Taddei

Mulino Bianco ascolta il web e lancia il blog e il catalogo delle sorpresine

Mulino Bianco ha deciso di ascoltare il web e questa è sicuramente una strategia giusta per rendere sempre più speciale il suo brand, già molto forte e consolidato nel panorama italiano.

Dalla community Nel Mulino Che Vorrei è venuta l’idea di far nascere un progetto particolare, un progetto che si è fatto realtà, nel web ovviamente,  con il Blog delle Sorpresine del Mulino Bianco.

Chi di noi non ha collezionato le sorpresine del Mulino Bianco quando eravamo bambini? Ecco oggi la creatrice delle sorpresine Mulino Bianco, Graziella Carbone, che ha ideato le famose scatoline che contenevano gadget e simpatici giochi, è la protagonista di questo blog del tutto particolare e originale in cui racconta la storia delle sorpresine attraverso aneddoti e curiosità.

L’idea è quella di dedicare uno spazio virtuale, il blog, dove ricordare con emozione le sensazioni provate un tempo nell’attesa di scoprire la sorpresina contenuta nella confezione di merendine Mulino Bianco.

Ma le iniziative legate alla storia delle sorpresine non finiscono qui. Infatti il Team digital di Mulino Bianco sta cercando di coinvolgere piccoli e grandi collezionisti per realizzare il catalogo completo delle sorpresine del Mulino Bianco. E per fare questo hanno pensato ai social media, su Facebook con la pagina dedicata alle scatoline, e naturalmente al blog delle Sorpresine.

Chi parteciperà alla realizzazione del catalogo completo delle sorpresine sarà premiato con la menzione del nome del collezionista nel catalogo, con un cadeau di prodotti della Mulino Bianco e con l’organizzazione di una visita nel bellissimo stabilimento di Castiglione delle Stiviere.

Sembra una ottima strategia che coniuga l’utilizzo del web, con strumenti come il blog e i social media, all’attenzione per la memoria e la storia del brand Mulino Bianco.

Che ne dite?

Luca Taddei

Il marketing che si fa musica

Live from T5

Un’interessante operazione di marketing di questi tempi ci viene dagli USA, precisamente da una compagnia aerea low cost, la JetBlue Airways, che ha deciso di organizzare dei concerti live per fare promozione del proprio marchio.

L’idea è quella di usare la musica come forma di promozione alternativa. La location è altrettanto alternativa e originale: il Terminal 5  del JFK International Airport di New York.

Il progetto prende il nome di Live from T5, prevede già dodici date e altre attività collaterali (ne parla anche rockol.it e se preferite l’inglese date un’occhiata qui).

L’iniziativa sembra ottima soprattutto per conquistare un pubblico di giovani viaggiatori. Che ve ne pare?

Luca Taddei

Alitalia comunica la tradizione, ma avrà fatto la scelta giusta?

Alitalia ha lanciato da qualche giorno, correva il 23 di Maggio 2009 per essere precisi, una nuova campagna di comunicazione tv che va in onda sulle principali reti nazionali.

Sicuramente la scelta di fare comunicazione è necessaria e giusta perchè c’è sicuramente un brand da ricostruire dopo le travagliate vicende aziendali del recentissimo passato.

Ne è venuto fuori uno spot costruito tutto intorno alla tradizione dell’azienda, tradizione che ha attraversato i cieli del secondo Novecento e che ha trasportato sulle sue ali molti personaggi famosi del mondo dello spettacolo, dello sport sia italiani che stranieri.

La tradizione può essere sicuramente un elemento importante per ricostruire un brand, per riposizionarlo. E in Italia molti brand giocano, e fanno bene a farlo, sulle potenzialità della tradizione della loro attività imprenditoriale.

L’elemento della tradizione funziona, ma non è sicuramente tutto. Il post di Clandestinoweb, anch’esso di qualche giorno fa ( e oggi voglio essere preciso: correva il 27 Maggio 2009!), proprio su questo spot pone delle critiche sensate.

Alitalia punta il suo rebranding sulla tradizione e la scelta può essere giusta, ma dovrebbe trovare anche la creatività per innestare elementi nuovi nella sua marca, elementi che costruiscano una nuova relazione fra Alitalia e i suoi passeggeri.

Oltre a questo, se andate a guardarvi il sito web di Alitalia, la campagna non sembra essere promossa minimamente. Forse ci vorrebbe anche un po’ più di coordinamento tra la comunicazione in tv e quella su web per fare un rebranding organico.

E a voi che ve ne pare della campagna?

Luca Taddei


ilcomunicatore

PENSARE COMUNICAZIONE PER FARE COMUNICAZIONE

luca.taddei@gmail.com

ilcomunicatore è il blog di riflessione, discussione, condivisione sul mondo del marketing & comunicazione

Contatori

This blog is listed

BlogItalia.it - La directory italiana dei blog Career & Job Blogs -  Blog Catalog Blog Directory blog search directory Blog-Show la vetrina italiana dei blog! MigliorBlog.it
Add to Technorati Favorites

Creative Commons

Creative Commons License
Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: