“Non aver paura”, parte la campagna contro il razzismo

“I piu’ pericolosi dei pregiudizi regnano in noi contro noi stessi. Dissiparli e’ genialita’.” Hugo Von Hoffmannsthal

Dopo “Romania piacere di conoscerti”, una nuova campagna di comunicazione affronta con deciso impegno il tema dell’ integrazione, concentrandosi su problemi-chiave: razzismo, paura, pregiudizio.

“Non aver paura” e’ il motto a cui si ispira il piano di azioni integrate firmato da ben 26 organizzazioni, tra cui l’ Alto Commissariato Onu per i Rifugiati, Amnesty International, Caritas, “Save the Children”, Sant’ Egidio, Acli, Arci, Cisl, Uil, Ugl.

E’ a partire da questo ampio ed eterogeneo comitato promotore, dove convivono membri della società civile e religiosa, che si diffonderanno i messaggi della campagna, una vera e propria maratona progettata per affermare nel Paese i valori dell’ apertura e del rispetto dell’ altro. Contro ogni forma di stereotipo.

La campagna, il cui segno grafico distintivo e’ un fantasmino giallo, si articola in manifesti e spot televisivi e radiofonici, che con un’ ironia combinata ad un profondo senso di responsabilita’ denunceranno il pericolo dell’ intolleranza.

E’ inoltre attivato un portale web (www.nonaverpaura.org) che si propone come punto di riferimento per attivare anche i principali social network.

Ma non e’ finita qui.

Insieme alla campagna, infatti, e’ partita una raccolta firme da consegnare al Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano in occasione della Giornata mondiale del rifugiato del 20 giugno prossimo: i firmatari sottoscriveranno un manifesto che ricorda, tra le altre cose, che “più di quattro milioni di persone di origine straniera vivono oggi in Italia”, ma spesso sono “vittime di pregiudizi e usate come capri espiatori, specialmente quando aumentano l’insicurezza economica e il disagio sociale”.


Ai rappresentanti delle istituzioni e della politica viene invece chiesto di sottoscrivere una “Dichiarazione di impegno” a “lavorare, nello svolgimento dell’attività istituzionale e/o politica, per spezzare il corto circuito creato da paura, razzismo e xenofobia”.

Quando la comunicazione si lega ai valori sociali e ai principi della partecipazione possono nascere cose straordinarie.

E queste campagna ne e’ un esempio, quantomeno nella sua progettazione e negli obiettivi ambiziosi che si e’ imposta.

Non trovate?

Simone Di Gregorio

5 Responses to ““Non aver paura”, parte la campagna contro il razzismo”


  1. 1 Luca Taddei venerdì, 27 marzo , 2009 alle 3:32 pm

    Anche questa campagna tocca temi importanti, si propone obiettivi impegnativi ed è ben strutturata.
    Mi sembra una buona idea quella di individuare nel bambino, quindi nei giovani, nei nuovi cittadini del domani, le persone in grado di uscire dalla gabbia dei pregiudizi!
    Il logo invece non mi convince molto.

    L.T.

  2. 2 salpetti mercoledì, 1 aprile , 2009 alle 11:50 am

    Io condivido le vostre parole in merito agli obiettivi e alle modalità della campagna, ma trovo che il manifesto sia poco efficace.
    Non ha un grosso impatto comunicativo e chi non è già a conoscenza dell’iniziativa fa fatica a capire subito di cosa si sta parlando…
    Il post-it, il fantasmino giallo, il faccione sorridente del bimbo che non si capisce dove si trova e che fa (dovrebbe essere nella gabbia dei pregiudizi?), …
    Che ne dite?

  3. 3 simone mercoledì, 1 aprile , 2009 alle 12:45 pm

    @ luca e salpetti
    perfettamente d’ accordo sul logo!quel fantasmino giallo non e’ proprio il massimo, e non ho ben chiaro perche’ sia stato scelto e cosa rappresenti.
    Eppure il manifesto lo trovo d’ impatto…quel sorriso stampato sulla faccia del bamnino e’ molto comunicativo!
    Forse sono un po’ esagerate e inquietanti le due figure dietro!!

  4. 4 Luce venerdì, 3 aprile , 2009 alle 10:54 am

    Speriamo serva davvero!!! Al mio posto di lavoro sento parlare di rumeni come fossero animali… quindi c’è ancora molto da fare per quanto riguarda l’integrazione e la tolleranza.. oltre che con la pubblicità, secondo me bisogna agire parecchio nelle scuole..

  5. 5 simone lunedì, 6 aprile , 2009 alle 10:18 am

    Ciao Luce.
    ….quindi Adolf e’ pure un razzista!!
    Come vedi seguo molto il tuo blog…!
    Tornando a noi, sicuramente la comunicazione, pur avendo un’ importantissimo ruolo sociale, da sola non e’ sufficiente.
    Per combattere il razzismo e’ fondamentale intervenire sulla formazione delle persone, l’ approccio alla vita, la percezione dell’ Altro, la preparazione culturale e il bagaglio conoscitivo.
    E la scuola e’ un bersaglio d’ azione chiave.


Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...




ilcomunicatore

PENSARE COMUNICAZIONE PER FARE COMUNICAZIONE

luca.taddei@gmail.com

ilcomunicatore è il blog di riflessione, discussione, condivisione sul mondo del marketing & comunicazione

Contatori

This blog is listed

BlogItalia.it - La directory italiana dei blog Career & Job Blogs -  Blog Catalog Blog Directory blog search directory Blog-Show la vetrina italiana dei blog! MigliorBlog.it
Add to Technorati Favorites

Creative Commons

Creative Commons License
Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons.

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: