Ilcomunicatore presenta Soft Economy, il lato bello dell’ Italia

La bellezza risplende nel cuore di colui che ad essa aspira più che negli occhi di colui che la vede.” Gibran Kahalil

Si chiama Soft Economy ed é l’ ultimo nato in casa de “ilcomunicatore”.

Da un’ idea di Simone Di Gregorio, si apre uno spazio dedicato al talento italiano, ovvero a quella capacità di fare e di inventare che seduce il mondo e che ha reso vincenti molte nostre imprese.

Soft Economy come inclinazione, tutta italiana, a produrre economia sulla base di fattori inusuali quali la bellezza, il territorio, la tradizione, la cultura, l’ artigianalità, il rispetto per la persona e per l’ ambiente, la passione per la materia: non si tratta solo di belle parole ma di un modello in atto in molte nostre imprese che lottano per spostare la competizione internazionale dal fattore prezzo al fattore qualità.

Una qualità totale che parte dall’ idea, coinvolge il dettaglio, agisce sui processi di lavorazione e arricchisce il prodotto di un valore aggiunto, unico e non replicabile così come sono uniche e non replicabili la sensibilità estetica dell’ imprenditore made in Italyl’ esperienza di lavoratori che di generazione in generazione si tramandano tecniche di lavorazione di sapore locale, la straodinaria capacità di combinare il fascino della tradizione con soluzioni di alto contenuto innovativo.

Nei primi articoli si parla di Brunello Cucinelli e della sua “impresa umanistica”; si mettono in evidenza gli ottimi – ma sempre troppo sottaciuti – numeri dell’ export italiano, che nonostante il grave stato di crisi generale continua a macinare risultati assolutamente positivi.

Inoltre si racconta la particolare storia di Xu Qiu Lin, titolare di un’ azienda che ha sede a Prato, stilisti italiani e produzione in Cina:

“La mia azienda é italiana”, afferma convinto Xu Qiu Lin.

Secondo voi vaneggia oppure in epoca di globalizzazione e di mercato unico il made in Italy può convivere con la delocalizzazione?

Vi aspetto sul blog!

SimoDG

1 Response to “Ilcomunicatore presenta Soft Economy, il lato bello dell’ Italia”


  1. 1 Luca Taddei mercoledì, 5 novembre , 2008 alle 12:03 pm

    Il nuovo progetto nato nell’alveo de ilcomunicatore mi sembra molto interessante e tocca argomenti che per la nostra economia sono fondamentali, sia per uscire dalla crisi sia per essere protagonisti del nostro futuro. Quindi in bocca al lupo a Simone e a Soft Economy!
    Per rispondere al quesito finale del post, direi che il made in Italy “deve” convivere con la delocalizzazione.

    L.T.


Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...




ilcomunicatore

PENSARE COMUNICAZIONE PER FARE COMUNICAZIONE

luca.taddei@gmail.com

ilcomunicatore è il blog di riflessione, discussione, condivisione sul mondo del marketing & comunicazione

Contatori

This blog is listed

BlogItalia.it - La directory italiana dei blog Career & Job Blogs -  Blog Catalog Blog Directory blog search directory Blog-Show la vetrina italiana dei blog! MigliorBlog.it
Add to Technorati Favorites

Creative Commons

Creative Commons License
Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons.

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: