Archivio per ottobre 2008

Ilcomunicatore presenta Soft Economy, il lato bello dell’ Italia

La bellezza risplende nel cuore di colui che ad essa aspira più che negli occhi di colui che la vede.” Gibran Kahalil

Si chiama Soft Economy ed é l’ ultimo nato in casa de “ilcomunicatore”.

Da un’ idea di Simone Di Gregorio, si apre uno spazio dedicato al talento italiano, ovvero a quella capacità di fare e di inventare che seduce il mondo e che ha reso vincenti molte nostre imprese.

Soft Economy come inclinazione, tutta italiana, a produrre economia sulla base di fattori inusuali quali la bellezza, il territorio, la tradizione, la cultura, l’ artigianalità, il rispetto per la persona e per l’ ambiente, la passione per la materia: non si tratta solo di belle parole ma di un modello in atto in molte nostre imprese che lottano per spostare la competizione internazionale dal fattore prezzo al fattore qualità.

Una qualità totale che parte dall’ idea, coinvolge il dettaglio, agisce sui processi di lavorazione e arricchisce il prodotto di un valore aggiunto, unico e non replicabile così come sono uniche e non replicabili la sensibilità estetica dell’ imprenditore made in Italyl’ esperienza di lavoratori che di generazione in generazione si tramandano tecniche di lavorazione di sapore locale, la straodinaria capacità di combinare il fascino della tradizione con soluzioni di alto contenuto innovativo.

Nei primi articoli si parla di Brunello Cucinelli e della sua “impresa umanistica”; si mettono in evidenza gli ottimi – ma sempre troppo sottaciuti – numeri dell’ export italiano, che nonostante il grave stato di crisi generale continua a macinare risultati assolutamente positivi.

Inoltre si racconta la particolare storia di Xu Qiu Lin, titolare di un’ azienda che ha sede a Prato, stilisti italiani e produzione in Cina:

“La mia azienda é italiana”, afferma convinto Xu Qiu Lin.

Secondo voi vaneggia oppure in epoca di globalizzazione e di mercato unico il made in Italy può convivere con la delocalizzazione?

Vi aspetto sul blog!

SimoDG

Annunci

Born with experience per gli amanti di Volkswagen Golf

Grazie alla segnalazione di Federica Ferrero, ilcomunicatore è venuto a conoscenza del nuovo progetto di comunicazione del colosso automobilistico tedesco Volkswagen: Born with experience.

Born with experience è un un sito web dedicato a tutti gli amanti di Volkswagen Golf, uno dei modelli di più lunga tradizione e successo del brand tedesco, per condividere sul web la loro “Golf Experience”.

Dal 3 Novembre 2008, fra più o meno una settimana, tutti gli amanti della Golf, siano essi proprietari o estimatori, potranno accedere liberamente al sito e comunicare la loro “Golf Experience”, prenotare il test drive e partecipare a un concorso che mette in palio tre nuove Golf per un mese. Prima del 3 Novembre, solo chi è in possesso di un codice può avere l’accesso in anteprima al sito, comunicare la propria esperienza con Golf, prenotare il test drive e vincere, eventualmente, una bella Golf.

Da parte mia ho avuto il piacere di visitare il sito in anteprima in questi giorni e di farmi un’idea dell’iniziativa.

Non starò qui a descrivervi il sito, in quanto avrete modo se vi farà piacere conoscerlo di apprezzarlo personalmente, ma quello che mi sento di sottolineare sono le buone possibilità che un’iniziativa come questa può avere per rafforzare la fedeltà della clientela del brand Volkswagen e in particolare di Golf. E in un periodo di crisi come questo, la fedeltà della clientela è sicuramente decisiva.

L’iniziativa di Born with Experience è inoltre strategica per un altro motivo. Normalmente la comunicazione pubblicitaria per le automobili la fa da padrone in TV e un’iniziativa come questa, pensata per il mondo del web, è innovativa in quanto può essere in grado di aprire apre nuove strade nella comunicazione pubblicitaria per le automobili.

Se in TV di pubblicità per le automobili se ne fa così tanta che essere creativi e convincenti diventa ogni giorno più difficile, allora il web può essere un campo più idoneo e più aperto a innovazioni e creatività.

Non siete d’accordo?

Luca Taddei

Fabrica Ethica, esperimenti di viralità

Questo video, rintracciabile nel Dedalo di YouTube e segnalatomi da Roberto Venturi, è stato realizzato dall’Agenzia di Comunicazione Ombre Elettriche di Firenze per la Regione Toscana e ha lo scopo di sensibilizzare alla responsabilità sociale delle imprese.

Il video è collegato a un progetto specifico della Regione Toscana, Fabrica Ethica, e rappresenta la punta di diamante di una campagna sperimentale virale. Insomma siamo di fronte a un esperimento di viralità messo in piedi da una istituzione pubblica che fa comunicazione utilizzando i nuovi media e in particolare la strategia della viralità. In più il tutto è al servizio di una campagna sociale.Insomma  ci sono molti ingredienti gustosi in questo progetto per chi si occupa di comunicazione.

Da parte mia non posso che giudicare positivamente questo nuovo spot pensato per le caratteristiche specifiche del viral marketing e, in generale, il progetto Fabrica Ethica, non solo per il tema centrale di cui si occupa, la responsabilità sociale d’impresa, ma anche per la sua comunicazione. Non a caso questo progetto della Regione Toscana è risultato vincitore del premio “Responsible Entrepreneurship” European Enterprise Award e lo spot, precedente a questo che vi presentiamo, dal titolo “Io sarò la fabbrica del mondo” ha vinto l’ADAward per la pubblicità sociale nel 2005.

Voi che ne pensate?

Luca Taddei

su tods.com va in onda il brand

“Arte, lusso, artigianalità: questo é il mondo Tod’s” (www.tods.com)

Tod’s valorizza la sua immagine puntando sulla web brand tv, ovvero un format di comunicazione 2.0 coinvolgente e di sicuro impatto che combina la tradizione del mezzo televisivo con l’ innovazione del Web, adattandosi in modo impeccabile alle caratteristiche di un marchio che unisce i valori del passato alle tendenze del futuro, l’ artigianalità dei metodi di lavorazione alla modernità stilistica dei prodotti.

La web brand tv, in onda sul sito dell’ azienda, si articola su 4 “canali tematici”:

Pashmy, dedicato alla nuova e omonima borsa “sponsorizzata” dalla bellissima Gwyneth Paltrow;

Philosophy, dove protagonista é il mondo Tod’s, ovvero l’ azienda, gli stores, i valori, le rappresentazioni del brand;

Events, percorso che accompagna l’ utente per tutti gli eventi Tod’ s organizzati nel mondo;

Cult, sezione fruibile previa registrazione.

Tod’s sceglie la tv perchè é il medium che più di altri tocca le sfere emozionali del consumatore e lo conquista, in quanto a familiarità, facilità di fruizione e qualità di intrattenimento; e l’ incontro col Web potenzia ulteriormente i vantaggi del medium televisivo, generando un’ idea di innovazione e attualità.

Inoltre, la web brand tv comunica un’ idea di apertura e trasparenza, il che arricchisce il brand di un’ importante dose di credibilità.

Insomma, un’ ottimo progetto…

voi che ne pensate?

SimoDG

Romania, piacere di conoscerti

“Molte persone credono di riflettere mentre stanno solo riordinando i loro pregiudizi.” (William James)

E’ da poco partita la campagna di comunicazione promossa dal governo di Bucarest e dall’ Ambasciata romena in Italia che promette di “eliminare la percezione negativa dei romeni derivata da una generalizzazione dei fatti di cronaca”.

L’ iniziativa si inserisce in un clima non facile per la convivenza ed integrazione tra italiani e romeniRusu, l’ ambasciatore romeno in Italia, conferma che la diminuzione dell’ intolleranza é dovuta prevalentemente “ai comportamenti illegali di alcuni romeni”, che tuttavia vengono amplificati dai media col rischio di facili stereotipizzazioni.

La soluzione ipotizzata é allora quella di servirsi proprio dei mezzi di comunicazione per raccontare il lato buono della Romania e del suo popolo.

La campagna si declina infatti come documentario-inchiesta, spot tv su reti nazionali, manifesti ma soprattutto eventi, che si svolgeranno tra Roma, Torino e Milano, ovvero le città che ospitano le più “popolate” comunità romene.

Inoltre, tra Ottobre e Novembre, verrà allestitita a Roma e Milano “Casa Romania”, un padiglione espositivo dove saranno presenti elementi della cultura, della tradizione, della musica e della moda di questo Paese.

Mi sembra un’ ottima iniziativa, soprattutto per l’ uso assolutamente intelligente e strategico della comunicazione.

Voi che pensate?

SimoDG


ilcomunicatore

PENSARE COMUNICAZIONE PER FARE COMUNICAZIONE

luca.taddei@gmail.com

ilcomunicatore è il blog di riflessione, discussione, condivisione sul mondo del marketing & comunicazione

Contatori

This blog is listed

BlogItalia.it - La directory italiana dei blog Career & Job Blogs -  Blog Catalog Blog Directory blog search directory Blog-Show la vetrina italiana dei blog! MigliorBlog.it
Add to Technorati Favorites

Creative Commons

Creative Commons License
Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: