Archivio per agosto 2008

quando i mostri si mettono a fare marketing…

“La cosa commercialmente migliore, che è la peggiore artisticamente, è la più di successo”. ( Orson Welles )

Questo terribile mostro che vi presentiamo ha tormentato in queste calde settimane estive il mondo del web e si è fatto spazio con le sue orribilità anche sulla televisione americana ( qui il video di un servizio della famosa CNN ) e sui media nostrani ( qui l’articolo del Corriere della Sera ).

E se i mostri nell’immaginario umano in generale svolgono diverse funzioni, in questo caso particolare questo mostro davvero bruttino svolge una funzione pubblicitaria nel magico mondo del cinema, mondo particolarmente frequentato da creature mostruose!

L’autore di questa campagna di viral marketing, probabilmente memori dell’impresa di Orson Welles con la sua Guerra dei Mondi, sono il sito web di uno studio di produzione hollywoodiano, Splinterheadsmovie, che svela che il Montauk Monster non è altro che una trovata pubblicitaria e che il mistero di questa estate americana sarà svelato quando il film uscirà nelle sale, all’inizio del prossimo anno!

Insomma mostri, cinema, web si trovano insieme per scrivere una nuova pagina del viral marketing! A me l’idea piace e a voi?

Luca Taddei

Annunci

L’Italia è competitiva, adesso ci vuole comunicazione

“Ci sono paesi dove il progresso ha cambiato solo i costumi non la mentalità.” ( Vincenzo Consolo )

Secondo un indice elaborato dall’ONU e e dal WTO, quindi da ritenere abbastanza affidabile, e chiamato TPI, Trade Performance Index, l’Italia si colloca al secondo posto nella classifica mondiale dei Paesi più competitivi nel commercio con l’estero. E’ un buon punto di riferimento per definire l’alto livello di competitività internazionale del nostro Paese.

Ed è proprio il commercio estero a dimostrarsi l’eccellenza dell’economia italiana. E a trainare sono i settori delle <<quattro A>>: abbigliamento, arredo, alimentari, automazione meccanica.

Risultati migliori dell’Italia nel mondo li ottiene solo la Germania, mentre la Spagna, che viene additata di questi tempi come il nostro competitor diretto, non si posiziona neppure fra i primi dieci.

Insomma il declino annunciato da tanti profeti di sventure sembra non esistere. Certo la situazione non è facile, ma questo vale anche per tutti gli altri Paesi del mondo.Non possiamo negare che in Italia soffi, più che in altri contesti, un vento di mancanza di fiducia nei propri mezzi e di speranza nel proprio futuro.

Molte altre classifiche, di cui molto spesso non si è verificata la validità, hanno condannato l’Italia. Ma come ricorda Marco Fortis, docente di economia industriale alla Cattolica di Milano, «si è fatta confusione tra attrattività e competitività» e l’Italia risulta ormai poco attrattiva, specialmente per gli investitori esteri.

Certo è colpa della burocrazia, della criminalità e di altri fattori, ma fra questi non metterei tra gli ultimi la scarsa capacità di comunicare un’immagine forte e vincente del Paese.

C’è un’Italia che vince, ma spesso è quasi muta: una prova ulteriore di questo è il fatto che i risultati di questo indice elaborato dall’ONU e dal WTO siano passati quasi inosservati, mentre altri meno lunsinghieri siano fermamente impressi nella nostra mente. Mentre una buona medicina contro la sfiducia e l’autocommiserazione sarebbe una comunicazione coordinata ed efficace dei propri punti di forza e dei propri successi, quelli che hanno una base nella realtà naturalmente!

Luca Taddei


ilcomunicatore

PENSARE COMUNICAZIONE PER FARE COMUNICAZIONE

luca.taddei@gmail.com

ilcomunicatore è il blog di riflessione, discussione, condivisione sul mondo del marketing & comunicazione

Contatori

This blog is listed

BlogItalia.it - La directory italiana dei blog Career & Job Blogs -  Blog Catalog Blog Directory blog search directory Blog-Show la vetrina italiana dei blog! MigliorBlog.it
Add to Technorati Favorites

Creative Commons

Creative Commons License
Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: