al museo per comunicare

Oggi i musei diventano sempre più luoghi di comunicazione in cui divertirsi, sorseggiare un cocktail o fare un aperitivo a tema, cenare o ascoltare musica. All’estero il fenomeno è ampiamente diffuso, dalla Francia con il Centre Pompidou di Parigi, il primo per così dire a “mutare” negli Anni Novanta, al famoso Metropolitan di New York che ospita le feste più trendy a partire da quelle di Giorgio Armani e di George Clooney. E anche in Italia  il fenomeno si sta diffondendo come ci mostrano gli esempi della Triennale della Bovisa a Milano con la sua Havana Hora e del progetto MAC ( Museo di Arte Contemporanea ) di Libeskind sempre a Milano.

Queste iniziative sono legate per lo più a musei di arte moderna e contemporanea, che sicuramente si prestano più facilmente a tali operazioni, ma la vera sfida potrebbe essere pensare qualcosa del genere per i musei che raccolgono collezioni classiche, medievali e rinascimentali. Da sottolineare è sicuramente anche l’intervento di grandi imprese, come Havana Club nel caso citato della Triennale della Bovisa, nel promuovere tali iniziative che possono essere d’aiuto sia al brand dell’azienda sia nella gestione economica dei musei.

Le critiche non mancano: la più forte è quella di Adriano La Regina, archeologo e soprindentente di Roma, che ha definito queste operazioni “forzature strumentali, una vera prostituzione delle istituzioni culturali” e ha poi rincarato la dose con “siamo circondati da cose di pessimo gusto, passeggiare in galleria e sentire la puzza di pesce dei banchetti aziendali è inaccettabile”.

Questa rivoluzione museale, se fatta con criterio, potrebbe veramente essere utile per avvicinare e coinvolgere molte persone e riscoprire la funzione originale del museo: far conoscere, rendere proprio il patrimonio culturale di un territorio ai suoi cittadini e ai suoi visitatori, insomma di comunicare l’arte e la cultura  e farle incontrare in un luogo coinvolgente e che susciti interesse.

E voi da che parte state?

Luca Taddei.

4 Responses to “al museo per comunicare”


  1. 1 baldo venerdì, 30 maggio , 2008 alle 8:17 am

    fatte salve le opere d’arte e la loro conservazione, assolutamente favorevole: ogni inniziativa che porta gente al museo è ben accetta, soprattutto in Italia. E poi vuoi mettere guardare la venere del Botticelli con un sottofondo olfattivo di cappesante e gamberoni gratinati?🙂

  2. 2 Luca Taddei venerdì, 30 maggio , 2008 alle 8:22 pm

    @baldo: molto simpatica l’idea di guardare la Venere di Botticelli con il sottofondo olfattivo di cappesante e gamberoni gratinati! Proponiamola! Ah! Ah! Ah!

    L.T.

  3. 3 simone mercoledì, 4 giugno , 2008 alle 1:41 pm

    Beh non é una cattiva idea!
    Certo magari i gamberoni no, però offrire al visitatore un esperienza plurisensoriale non la vedo come una cattiva idea.
    Musica, odori, buon vino, qualche prelibatezza…sono un “contorno” che potrebbe ulteriormente valorizzare la bellezza delle opere artistiche. A patto, ovvio, che rimangano uno sfondo….un accessorio…un complemento.
    Sono sicuro pure io che un strategia di questo genere é potenzialmente capace di avvicinare, soprattutto i più giovani, al mondo dell’ arte.

  4. 4 Luca Taddei giovedì, 5 giugno , 2008 alle 5:36 pm

    @Simone: sono in linea generale d’accordo con te. E’ necessario prendere atto che la cultura è un concetto molto più ampio di quello accademico e che il marketing non è qualcosa di cui diffidare, ma di cui fare buon uso per raggiungere i propri obiettivi, siano essi commerciali siano essi culturali.

    L.T.


Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...




ilcomunicatore

PENSARE COMUNICAZIONE PER FARE COMUNICAZIONE

luca.taddei@gmail.com

ilcomunicatore è il blog di riflessione, discussione, condivisione sul mondo del marketing & comunicazione

Contatori

This blog is listed

BlogItalia.it - La directory italiana dei blog Career & Job Blogs -  Blog Catalog Blog Directory blog search directory Blog-Show la vetrina italiana dei blog! MigliorBlog.it
Add to Technorati Favorites

Creative Commons

Creative Commons License
Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons.

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: