responsabilità sociale del dire o del fare?

“L’ etica non è esattamente la dottrina che ci insegna come essere felici, ma quella che ci insegna come possiamo fare per renderci degni della felicità.” ( Immanuel Kant )

Questo spot di Pepsico, che viene presentato in maniera molto interessante su SimplyADdicted, è un ottimo prodotto di comunicazione d’impresa per il sociale. Poi i brands tendono a diventare sempre più verdi, come ci insegna Marketing Routes, e le aziende sono sempre più socialmente responsabili, tanto che oggi si parla di come i valori siano sempre più legati ai brands.

Le realizzazioni sono molto spesso ottime, ma saranno ottime anche le intenzioni? Dove inizia il greenwashing e dove finisce la vocazione per i problemi sociali delle imprese?

Per fare veramente comunicazione, in generale, e comunicazione sociale, in particolare, bisogna costruire una cultura che permei completamente tutta la vita aziendale.

Ma chi deve introdurre questa cultura del sociale? Penso che debbano essere coinvolti tutti gli attori che ruotano intorno all’azienda e sicuramente i comunicatori hanno un ruolo strategico.

Ma se i comunicatori hanno un ruolo privilegiato nel diffondere la cultura del sociale all’interno delle imprese, allora dovrebbero avere un codice deontologico chiaro, ben strutturato.

Questo vuol dire dare attenzione ad un’etica della comunicazione, ma in quanti lo fanno veramente?

Luca Taddei.

3 Responses to “responsabilità sociale del dire o del fare?”


  1. 1 simone sabato, 2 febbraio , 2008 alle 6:06 pm

    Luca, quello che tratti col nuovo post é uno dei temi più interessanti per chi oggi studia o fa comunicazione.
    Nel mercato, si é ormai affermata una rete di consumatori le cui scelte sono sempre più legate alla variabile etico-ambientale: leggevo qualche giorno fa che circa l’ 70% dei consumatori ripone la sua fiducia nelle imprese che investono sul sociale e l’ 80% attribuisce la massima importanza al rispetto dei diritti dell’ uomo e
    dell’ ambiente.
    Sono numeri la cui interpretazione é chiara, tant’ é vero che alcuni economisti cominciano a parlare di merci in cui il valore é coprodotto da aziende e consumatori: le imprese infatti non possono più pensare di agire in modo unilaterale ed é a aprtire dalle indicazioni e dalle esigenze dei consumatori che si aggiunge valore a prodotti e ai marchi.
    Differenze tra il dire e il fare: fino a poco tempo fa e forse anche oggi può essere ancora possibile per
    un’ impresa mantenere un’ apparenza di politically correct e attenzione sociale per poi tradirla nella sostanza. Ma credo che se il consumatore continuerà questo percoso di consapevolezza e autonomia, tali comportamenti saranno poco possibili, in quanto facilmente smascherabili. Non trovi?

  2. 2 Luca Taddei sabato, 2 febbraio , 2008 alle 7:45 pm

    Le imprese diventano socialmente attive sicuramente perchè c’è una richiesta da parte del consumatore.
    Sono convinto che proprio per questa nuova consapevolezza e autonomia del consumatore, le aziende diverranno sempre più responsabili.
    Per questo bisogna che investano realmente in CSR, con i fatti e con una cultura d’impresa, in modo tale da poter rispondere in modo adeguato alle esigenze, ai bisogni, ai desideri del consumatore contemporaneo.
    Sì, trovo che diventerà sempre più difficile mantenere una maschera di responsabilità sociale, ma allo stato attuale molte cose devono cambiare!

    L.T.


  1. 1 ho scritto qualcosa di nuovo! « Luca Taddei Trackback su sabato, 2 febbraio , 2008 alle 6:01 pm

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...




ilcomunicatore

PENSARE COMUNICAZIONE PER FARE COMUNICAZIONE

luca.taddei@gmail.com

ilcomunicatore è il blog di riflessione, discussione, condivisione sul mondo del marketing & comunicazione

Contatori

This blog is listed

BlogItalia.it - La directory italiana dei blog Career & Job Blogs -  Blog Catalog Blog Directory blog search directory Blog-Show la vetrina italiana dei blog! MigliorBlog.it
Add to Technorati Favorites

Creative Commons

Creative Commons License
Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons.

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: