Mafia cartoon

mafia-cartoon.jpg

“Ho sempre disegnato animali, sono meglio degli uomini”. ( Walt Disney )

Oggi parliamo di un progetto interessante per due motivi.

Il primo è che il progetto è della Zerocento, una piccola casa di produzione indipendente di cartoon palermitana ed il progetto è un cartone animato. Insomma anche in Italia si riescono a produrre cartoon, in maniera originale, ed è possibile farlo anche in città come Palermo, se si hanno buone idee, tanta passione e voglia di scommettere.

Il secondo è che il progetto in questione è un cartone animato ironico sulla Mafia. Il cartoon si chiama Caciocavallo ed è disegnato da giovani palermitani, che si sono ispirati ai Simpson e ai Soprano.

Al centro ci sono la mentalità e le azioni di boss e picciotti nella vita quotidiana e nei “grandi affari”, i riti di iniziazione per entrare nella Famiglia, i giuramenti, le riunioni segrete nei covi.

Ci saranno i buoni, gli agenti speciali, i sovrintendenti e gli uomini della squadra operativa che si muove attorno all’ispettore capo Andrea Valdemone della squadra mobile di Palermo il boss dei boss, così come non mancheranno i cattivi, tra cui spicca lo zio Santino, alter ego animato del boss Bernardo Provenzano.

La produzione è quasi completa: la Zerocento ci lavora da un anno e ormai stanno ultimando le fasi di produzione. E già ci sono i contatti con una grande casa di distribuzione e una di produzione. Il prodotto è pensato come una serie animata per la televisione a puntate, una ventina in tutto da 15 minuti ciascuna. Ma si pensa già a un lungometraggio per il grande schermo.

Piccola riflessione: Caciocavallo conferma ulteriormente la mia idea che ormai la Mafia è un brand, di cui tutti i media, con minore o maggiore creatività, con intenti più o meno diversi, si servono abbondantemente e massicciamente.

E voi di questo cartoon che ne pensate?

Luca Taddei.

2 Responses to “Mafia cartoon”


  1. 1 simone domenica, 21 ottobre , 2007 alle 11:33 am

    Hai ragione Luca..la mafia é un brand a tutti gli effetti…e tra l’ altro tra i più comunicativi e con un forte respiro internazionale!
    Un brand che miete successi in qualunque modo lo si declini: all’ estero amano parodiarlo (penso appunto ai Soprano) mentre da noi, per ovvi motivi, lo si racconta con rispetto, rimarcandone la drammaticità.
    E ora Caciocavallo: é un esperimento interessante ed innovativo.
    Innovativo perchè é in controtendenza rispetto al modo in cui i media italiani, sia a livello di informzione che di fiction, tendono a parlare del sistema-mafia.
    Sono molto curioso di vedere come regirà il pubblico!

  2. 2 Luca Taddei domenica, 21 ottobre , 2007 alle 12:56 pm

    Già Simone, Caciocavallo è un esperimento innovativo per l’Italia, lo penso anch’io.
    Vediamo da chi sarà distribuito e poi vedremo che reazioni avrà l’audience.
    Nella TV italiana e al cinema ci sono pochissimi cartoons di produzione italiana, speriamo che questo sia un segnale di rilancio del mercato dell’animazione italiana, che comunque non manca di creatività e di talento.

    L.T.


Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...




ilcomunicatore

PENSARE COMUNICAZIONE PER FARE COMUNICAZIONE

luca.taddei@gmail.com

ilcomunicatore è il blog di riflessione, discussione, condivisione sul mondo del marketing & comunicazione

Contatori

This blog is listed

BlogItalia.it - La directory italiana dei blog Career & Job Blogs -  Blog Catalog Blog Directory blog search directory Blog-Show la vetrina italiana dei blog! MigliorBlog.it
Add to Technorati Favorites

Creative Commons

Creative Commons License
Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons.

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: